Bernard Gilboy

1882-1883 Bernard Gilboy attraversa da solo l’oceano pacifico con uno schooner di 18 piedi: 7000 miglia in 160 giorni da San Francisco all’Australia. La barca si chiamava “Pacific”, costruita appositamente per questa impresa nello storico cantiere Pier70 tutt’ora esistente a San Francisco.

Il viaggio viene descritto nel libro “A voyage of Pleasure”. Nel 1876 Alfred Johnson aveva compiuto la prima personale traversata atlantica a bordo di un dory di 20 piedi da Gloucester, nel Massachusetts, a Abercastle, in Galles, in poco meno di due mesi, con una breve sosta in Nova Scotia. Johnson aveva chiamato la sua barca, Centennial, dicendo che il suo viaggio era stato intrapreso per commemorare i primi 100 anni della nazione.

Ispirato da Johnson, Bernard Gilboy essendo un marinaio professionista, considerava questa la barca più piccola in grado di contenere provviste per i cinque mesi che si pensava che il suo viaggio non-stop sarebbe durato. Gilboy stivò in qualche maniera: “…..14-botti da dieci litri riempite d’acqua, 165 libbre di pane, in lattine da quindici libbre due dozzine di arrosto di manzo, due dozzine di pollo arrosto in scatole da due libbre e mezzo, salmone al forno, due dozzine di lattine da una libbra di maiale disossato, due dozzine di lattine di pesche, due dozzine di lattine di latte, una scatola contenente venticinque libbre di zucchero in cubo; un gallone e mezzo di alcool, in un vaso di vetro di un farmacista mise quattro lattine di olio di noce; cinque litri di kerosene , una saponetta Castiglia, tre chili di chiodi, una pompa di legno; un tubo da 12 pollici usato come un sifone per riempire i fusti, o prendere l’acqua fuori di loro, cereali , pesce, un martello, e una scure; carta, chiodini di rame; stufa a olio di petrolio; stufa ad alcol , due lampade, una libbra di candele di paraffina, due bussole, barometro e sestante; un log ferroviario; la pistola e le cartucce, orologeria, nove coltelli, ami con circa quaranta braccia di 1 ½ di cima; libri di navigazione, foglio grafico del Pacifico del sud, una bandiera americana; abbigliamento necessarie per il viaggio, due chili di strutto, 1 paio di remi e un ombrello, che ho trovato molto utile quando il vento era leggero e il sole forte….”

Egli osserva inutilmente che la barca era profonda in acqua. E fa notare che si è portato una sola barra di sapone per cinque mesi. La sua prima settimana è molto buona, copre 510 miglia, soprattutto considerando che si fermò a dormire alla cappa di notte. Tuttavia, l’avanzamento si è fermato quando ha raggiunto il 9 ° Nord, e ha fatto solo 237 miglia nei 29 giorni seguenti. Infine a 5 º Nord, ha ricominciato a navigare. Il disastro lo ha colpito quando un frangente ha fatto scuffiare la sua imbarcazione nel Pacifico meridionale vicino alle isole Figi, il 12 dicembre, la sua 116sima giornata in mare.

Nel capovolgimento Gilboy perde un albero, il timone, il sestante e bussola, e quasi tutte le sue provviste. Affamato Gilboy continua il viaggio riuscendo anche a cibarsi di un uccello che si posa sulla sua testa e che con un movimento fulmineo riesce ad acchiappare, per cucinarlo come può con un fiammifero che gli era rimasto. Il grande navigatore ormai stremato viene salvato da una goletta di passaggio a duecento miglia al largo della costa del Queensland australiano. Il tentativo quasi riuscito di Gilboy di fare il primo viaggio in solitario attraverso l’Oceano Pacifico entra nella storia. Questa impresa con una piccola imbarcazione a vela ci ricorda che esempi di sfide non si fermano mai.

Potete scaricare il libro di questo incredibile viaggio cliccando qui.  Bernard Gilboy's adventure book "Voyage of pleasure"

Gian Filippo Pellicciotta

Commenti chiusi