Il messaggio nella bottiglia più vecchio mai ritrovato: 108 anni alla deriva


Il messaggio nella bottiglia più vecchio mai ritrovato

Il messaggio in bottiglia più antico mai ritrovato è stato raccolto pochi giorni sulla costa tedesca del Mare del Nord, precisamente sull’isola di Amrum, da una signora in pensione.

Marianne Winkler, ex impiegata di un ufficio postale in vacanza, passeggiava con suo marito quando ha intravisto una bottiglia con dei fogli arrotolati all’interno. Il messaggio che appariva dall’esterno era: “Break” ossia “rompere” e nonostante gli accorgimenti per non danneggiare la bottiglia, l’unico modo per aprirla è stato appunto quello di romperla. All’interno si trovava un messaggio scritto in tre lingue: tedesco, olandese e inglese che dichiarava la ricompensa di uno scellino a chi avesse inviato risposta al mittente circa il luogo di ritrovamento. Il mittente in questione è il Marine Biological Association di Plymouth.

 

Questa è una delle 1020 bottiglie rilasciate nel Mare del Nord tra il 1904 e il 1906 da George Parker Bidder, ex presidente dell’associazione. Questo esperimento faceva parte di un preciso studio sulle correnti marine. Le bottiglie erano state appositamente progettate per galleggiare appena sopra il livello del mare, in modo tale da essere trasportate dalle correnti in profondità sotto la superficie e non solo dal vento e dalle onde.

George Parker Bidder

Così emozionato l’attuale presidente dell’associazione Guy Baker: “Molte delle bottiglie che rientrano nello studio ci sono state riconsegnate da pescatori che le hanno trovate nelle loro reti, sollevandole dal fondo del mare, non pensavamo che potesse essere ancore presente in mare una bottiglia galleggiante. Inoltre la maggior parte di esse sono state ritrovate subito, in tempi brevi, e riconsegnate alla nostra associazione, parlo di mesi, non di decenni, nessuno l’avrebbe mai immaginato.

Stiamo ancora aspettando la conferma dal Guinness dei primati. Il detentore del record attuale è una bottiglia che ha trascorso 99 anni e 43 giorni in mare. E’ stata rilasciata nel 1914 come parte di un esperimento scientifico simile ed è stata trovata nel 2013 nella rete di un peschereccio.” Questo il nostro precende articolo circa l’attuale detentore del record.

Come da promessa è stato consegnato il premio alla signora Winkler: “Per restare fedeli a quanto scritto e promesso dai nostri predecessori, abbiamo recuperato un vecchio scellino acquistandolo su eBay, ha detto il direttore Baker, “abbiamo risposto dicendo semplicemente grazie, per questo gesto di un valore inestimabile.”

Marianne Winkler e suo marito con il messaggio nella bottiglia

Gian Filippo Pellicciotta