Sir Ben Ainslie spiega la sua nuova sfida per l’ America’s Cup

Ben Ainslie e l’America’s cup

La presentazione della sfida britannica all’America’s Cup da parte di Ben Ainslie: “Ci sono voluti tre anni di pianificazione e di lavoro per arrivare a questo punto, lavorando per costruire una squadra al punto in cui possiamo realisticamente affermare di andare avanti con l’obiettivo di vincere la Coppa e riportarla in acque britanniche. Per essere onesti in qualche modo è un sollievo poter essere in grado di parlare apertamente del progetto. Dal momento della vittoria con Oracle Team USA a San Francisco lo scorso settembre, mi è stato chiesto mille volte circa i piani di una sfida di un team britannico.

E’ stato un periodo difficile, lavorare dietro le quinte per mettere insieme i finanziamenti e le persone necessarie allo sviluppo, senza poter discutere pubblicamente i nostri progressi sia commercialmente che strategicamente. Aspettare il protocollo per la prossima Coppa è stato frustrante. Ma sono incredibilmente fortunato ad avere una grande squadra intorno a me, persone che hanno creduto nel progetto e hanno lavorato instancabilmente per farlo decollare. Una quantità enorme di capitale è stato raggiunto negli ultimi sei mesi: Sir Charles Dunstone, Sir Keith Mills e Chris Bake stavano lavorando dietro le quinte per aiutare a costruire un gruppo di investitori privati ​​per il nostro team.

E senza la loro passione per il progetto non saremmo dove siamo ora. Da allora si sono aggiunti Lord Irvine Laidlaw, Ian Taylor, Jon Wood e Peter Dubens come ulteriori investitori della squadra. Inoltre, Lord Michael Grade e Robert Elliot hanno aderito come consiglieri indipendenti. Questi sono alcuni dei pesi massimi con esperienza nel mondo degli affari. Con la presentazione del protocollo martedì scorso ora abbiamo una migliore comprensione della sfida. Le regole che circondano la Coppa America sono storicamente molto complesse e questo particolare protocollo ha preso circa nove mesi di tempo per essere messo a punto. La classe ha 62 piedi di lunghezza, con otto persone di equipaggio e alcune tolleranze nelle misure più severe. L’obiettivo è quello di ridurre i costi, che è assolutamente l’idea giusta anche se è probabile che il costo rimarrà più o meno lo stesso delle precedenti campagne, intorno a £ 80 milioni.

Questo non è un piccolo cambiamento. E combattere a casa sua Larry Ellison, miliardario proprietario di Oracle, con tutti i suoi soldi e il suo potere richiederà uno sforzo titanico. Ma è assolutamente realizzabile e credo davvero che abbiamo le persone giuste per farlo accadere. Anche se le nostre mani sono state legate in qualche modo a causa dell’incertezza, mi rallegro con gli acquisti che abbiamo fatto, in particolare sul versante di progettazione che è stato veramente il nostro obiettivo fondamentale. Abbiamo alcune persone veramente esperte e di talento a bordo, guidati dal nostro direttore tecnico e due volte vincitore della Coppa America Andy Claughton. In acqua Jono Macbeth, il nostro team manager vela, è un tre volte vincitore della coppa. C’è stato un sacco di clamore su Adrian Newey che abbiamo coinvolto. Ho avuto la fortuna di incontrare Adrian un paio di volte, che come un fan di F1 è stato un vero privilegio. Adrian è un ragazzo eccezionale e chiaramente sarebbe enorme per la squadra, se si sentirà in grado di contribuire.

E’ stato un vero onore che la Duchessa di Cambridge ci ha potuti incoraggiare oggi di persona durante il lancio della nostra sfida. So che la Duchessa è una appassionata velista, avendo anche incontrato i nostri avversari di Team New Zealand ad Auckland. Speriamo abbia carpito un paio di idee da trasmettere ai nostri progettisti. Come squadra stiamo pensando a lungo termine, ben oltre la prossima Coppa America. Ecco perché vorremmo costruire una base permanente sulla costa sud, piuttosto che una temporanea a San Francisco o altrove all’estero. Vogliamo creare qualcosa di duraturo, qualcosa di educativo, qualcosa che ispirerà i giovani talenti britannici ad entrare nel nostro fantastico sport. In effetti, un Centro Tecnologico per la vela, che presenterà lo sport e potrà coinvolgere il pubblico. In tale veste, è stato bello essere in grado di annunciare il nostro primo partner importante al lancio di oggi, 11th Hour Racing, una società focalizzata sulla navigazione sostenibile.

C’è ancora una lunga strada da percorrere. Abbiamo bisogno di raccogliere più soldi, stabilire la nostra base, trovare un title sponsor. Ma so che possiamo farlo. Dopo aver navigato con Team New Zealand, Team Origin e più recentemente Oracle Team USA, ho imparato molto su ciò che è necessario per vincere la Coppa America. La portata della sfida è enorme, scoraggiante, ma che servirà solo a rendere più gratificante se è raggiunto l’obiettivo finale, per portare a casa la Coppa America in Gran Bretagna più di 150 anni dopo che ha lasciato questi lidi.”

Gian Filippo Pellicciotta

Commenti chiusi