Yevgeny Gvozdev: leggenda della vela russa

“Sono convinto che noi uomini  dovremmo fare nella vita qualcosa, di cui non vergognarsi di raccontare a un bambino: scalare l’Everest, piantare un giardino, curare un uomo, scrivere un libro … Beh, almeno qualcosa di giusto, di utile. Dietro di me, ho due tour mondiale e non esito di parlare di nuoto a studenti, ai loro nipoti e, se Dio vuole, pronipoti. “

Yevgeny Gvozdev (11 marzo 1934, Pinsk, Bielorussia – presumibilmente 2 Dicembre 2008, Italia, Golfo di Napoli) – è un famoso marinaio russo, viaggiatore ed esploratore. Yevgeny è nato a Pinsk, in Bielorussia, nel 1934. Nel 1937 suo padre è stato arrestato, e non tornò mai dai campi di Stalin. Sua madre morì nel bombardamento nazista. Cresciuto da un lontano parente Yevgeny si è laureato alla scuola nautica di Astrakhan e per 35 anni ha navigato come meccanico su  grandi navi da pesca nel Mar Caspio. Dal 1949 E. Gvozdev ha vissuto a Makhachkala (Daghestan).

Yevgeny Gvozdev foto

 

Dopo aver superato l’immagine inquietante dell’orfano e reietto, ha convertito una scialuppa di salvataggio di una baleniera dismessa e ha concluso il giro del mar Caspio da solo. La sua impresa ha portato la fama a questo lago, dove in epoca sovietica, non c’era nemmeno uno yacht club.

 

Getan

Dopo la prima navigazione seria sul Mar Caspio nel 1979, Yevgeny costruisce in seguito una barca di 5,5 metri, il “Lena”, e naviga nel Mar Nero su un percorso fino a Istanbul e ritorno. Naviga moltissimo in questo periodo e cresce in lui la voglia di una navigazione intorno al globo. Dopo le preparazioni di rito Yevgeny lascia Novorossiysk il 15 dicembre 1992 per un giro del mondo a 57 anni.

Lena boat

Yevgeny era già a conoscenza dei molti tentativi di questo tipo su barche piccole. Il record in questo caso era dell’australiano Serge Testa, che divenne la sua ispirazione. In uno scalo in Albania gli vengono sequestrati tutti i soldi, e fino all’isola di Gran Canaria, ha vissuto davvero alla giornata, perdendo fino a 20 kg di peso. I marinai delle navi russe di Las Palmas e la società “Sovispan” vedendo la sua incrollabile fiducia nel progetto hanno contribuito a ricostituire le scorte alimentari. In agosto-settembre ha attraversato l’Atlantico fino a Barbados in 45 giorni, e alla fine del 1993 ha attraversato i Caraibi e attraverso il Canale di Panama. Nel 1994 ha navigato a ovest, ha raggiunto l’Australia e il più pericoloso dello Stretto di Torres, verso l’Oceano Indiano.

Nelle acque della Somalia, il 5 agosto 1995 è stato rapinato e quasi ucciso da pirati locali. Due settimane dopo, è arrivato a Gibuti.Qui viene aiutato per le scorte alimentari sia dall’ambasciata russa che da una fregata francese che gli dona delle scorte di frutta fresca. Ricomicia a navigare terminando il suo giro del mondo in solitario il  27 luglio 1996 dove viene accolto come un eroe e festeggiato ufficiosamente, allo Yacht club di Mosca la sua barca viene posta su piedistallo in memoria dell’impresa.

Il Lena a Mosca

La seconda circumnavigazione sullo yacht “Said”

Tre anni di pausa lavorando su una piccola barca appesa sul balcone al secondo piano del suo appartamento a Makhachkala. Ha resinato, cucito le vele…. Il risultato è stata una barca di una lunghezza totale di 3,7 metri e del peso di 350 kg con una zavorra in chiglia di 120 kg di piombo per aumentare la stabilità.

Said boat appesa al balcone

Il 2 luglio 1999 il 65enne navigatore , dopo aver portato la sua barca con un camion verso il mare inizia il suo secondo giro del mondo in solitario da Novorossiysk. Poi le isole Canarie, quindi ha attraversato l’Atlantico e il 30 marzo 2000 Yevgeny ha ormeggiate il suo yacht a Rio de Janeiro nello yacht club ignorando spavaldamente i proprietari del club e anche il console russo e il corrispondente dell’agenzia “Ria Novosti”.

Said boat sul camion

Ma ai primi di settembre, Yevgeny a Buenos Aires è stato al centro dell’attenzione della stampa locale. A Punta Arenas, infatti, è accolto con grande favore dal sindaco che ha annunciato che il suo yacht è la più piccola barca nella storia dello Stretto di Magellano. Poi lungo la costa del Cile, in seguito la leggendaria isola di Tahiti e poi i porti di Brisbane e Darwin in Australia. Nell’Oceano Indiano, ha visitato le Isole Cocos, lo Sri Lanka, il porto indiano di Kochi. Quindi attraverso il Mar Rosso, il Mediterraneo e il Mar Nero, ha completato un secondo giro del mondo in 50 mesi il 10 luglio 2003 a Sochi.

Said Boat

Nel mese di agosto del 2003, a Makhachkala è accolto calorosamente da i suoi connazionali, e il sindaco gli consegna le chiavi di un nuovo appartamento.
Terzo giro del mondo

il terzo giro del mondo purtroppo non verrà mai terminato. Per questo viaggio la sua barca nuova era di 5.5 metri il “Getan-2” con la chiglia e attrezzature moderne. Parte il 19 settembre 2008 nel porto di Novorossiysk.

Lo yacht dimostra subito la sua eccellente resistenza, la barca è capovolta in una tempesta che  danneggia l’albero al largo delle coste d’Italia alla fine di novembre. Le comunicazioni con il navigatore si interrompono il 1 ° dicembre. Il 2 dicembre, in provincia di Napoli i Carabinieri trovano il corpo di Gvozdeva in spiaggia, e pochi giorni dopo è viene rinvenuta l’imbarcazione “Getan 2.” Si suppone che i colpi subiti alla testa all’ interno della barca possano essere stati fatali. Il 27 dicembre viene sepolto nella città di Makhachkala.

getan-II

In memoria di Yevgeny Gvozdyov a Mosca nello Yacht Club vengono esposte tutte le sue barche. Recentemente è stato pubblicato il libro “La Terra è rotonda. Lo dimostra Yevgeny Gvozdev. ” Il suo autore, Oleg Sanaa, ex direttore del settimanale “Novoye Delo”, sapeva tutto del viaggio epico del suo connazionale.

Evgenij Gvozdev è il più grande e più brillante dei marinai russi negli ultimi 20 anni, un viaggiatore simbolo del fatto che un semplice uomo povero, essendo in pensione è in grado di realizzare il sogno della sua vita,  fare una circumnavigazione anche con un minimo di soldi, e con una grandissima passione. Gvozdeva può essere definita una leggenda della vela russa.

Gian Filippo Pellicciotta

Commenti chiusi